you reporter

Rosolina

“Necessari parcheggi e controlli”

Pako Massaro, capogruppo di minoranza, attacca: “Il 2 giugno traffico, ingorghi e code” . Il consigliere di “PiùRosolina”: “Non si doveva chiudere le strade e mandare via i turisti”.

“Necessari parcheggi e controlli”

Pako Massaro

“Aiutarsi per aiutare”. Così Pako Massaro, consigliere capogruppo di minoranza a Rosolina, con “PiùRosolina”, che interviene con riferimento alle ultime vicende che hanno riguardato Rosolina, in particolare “traffico, ingorghi e code nella giornata del 2 giugno”.

“In questo periodo difficile per i cittadini di Rosolina e per le attività locali - spiega Massaro - su richiesta del nostro Gruppo PiùRosolina, abbiamo fatto alcune riunioni tra maggioranza e minoranza per trovare risorse e proposte per aiutare famiglie e imprese della nostra città. Tra le altre cose si è messo in cantiere uno slittamento del pagamento delle imposte sui rifiuti per le attività, aiuti alle famiglie con contributi e sgravi e sgravi alle imprese sulle imposte locali. Tutto in via di attuazione. Si è trattato anche di proposte di azzeramento, o almeno riduzione importante, di canoni demaniali e di trattenere in comune tutta la Imu senza dare a Roma la sua parte. Queste proposte sono ancora in valutazione al governo giallorosso”.

“Tra le altre cose - aggiunge il consigliere di minoranza - tutti noi consiglieri abbiamo dato disponibilità alla giunta per tutte le azioni necessarie per fare ripartire l’economia della nostra città, abbiamo chiesto di rinviare tutte le spese non necessarie e di mettere tutti i soldi del bilancio comunale a disposizione di attività e famiglie per sostenere e finanziate”.

Non solo. “Oltre a questo si era chiesto, alla giunta e al sindaco, di fare il possibile per pianificare l’offerta turistica e per sfruttare il nostro primato di provincia meno colpita dal Covid e di mettere in risalto le nostre ampie spiagge e i nostri spazi. In questo senso si era parlato con il sindaco e assessori di gestire il traffico e soprattutto i parcheggi per dare una tranquillità e sicurezza ai turisti che avessero scelto le nostre spiagge. Insomma, si doveva essere pronti all’apertura perché i primi giorni di bel tempo, tutti sarebbero arrivati nella nostra località, soprattutto dopo tre mesi di ‘clausura’. Questo era un dovere... e infatti il 2 giugno, primo giorno di bel tempo, il traffico e i turisti hanno creato ingorghi e code”.

“Ma io dico non si poteva prevedere? - chiede Pako Massaro - Non penso ci volesse un super cervello per capire che la prima giornata di bel tempo sarebbe stata da bollino rosso. Tutto questo poteva essere fatto utilizzando una nostra mozione presentata ancora nel 2017, nella quale chiedevamo alla maggioranza di individuare lungo via Boccavecchia mille parcheggi, 700 lungo la via che dalla rotonda va a via degli aironi e 300 da via degli aironi a Porto Caleri”.

Il capogruppo dell’opposizione sottolinea: “La risposta, all’epoca, è stata ‘grazie ma non serve, ci penseremo noi’. Stato dei fatti: la nostra proposta non è stata accolta, i parcheggi non sono stati individuati, il 2 giugno tutti hanno parcheggiato dove hanno voluto e il sindaco ha chiuso la strada”.

E ancora: “Altra proposta fatta, ripetutamente infinite volte, è stata ed è quella di sostituire ed implementare i cestini in tutto il territorio e soprattutto dei luoghi turistici. L’assessore preposto ha acquistato dei portacenere. Risultato: quando c’è tanta gente i pochi cestini sono sommersi dalle immondizie”.

“Noi di ‘PiùRosolina’ siamo sempre propositivi e sottolineiamo e segnaliamo solo quelle che secondo noi sono situazioni critiche o migliorabili - continua - però in questi momenti difficili ci sarebbe bisogno di più collaborazione tra tutte le forze politiche, ci sarebbe bisogno di collaborazione fattiva e non solo a parole come dice il sindaco. Noi di PiùRosolina siamo vicino ai commercianti di Rosolina Mare e faremo di tutto per migliorare la località e perché la via Boccavecchia venga riaperta prima possibile: regolamentata e gestita, perché già è difficile avere clienti, se ci permettiamo anche di cacciare alcune fasce di turisti….”.

Massaro conclude: “Troviamo inappropriata l’ordinanza del sindaco, che alcuni dicono fatta per degli abusivi di Porto Caleri. Dal nostro punto di vista si doveva programmare, fare i parcheggi e mettere la polizia locale a vigilare, non chiudere strade e mandare via i turisti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl