you reporter

Porto Tolle

Polo turistico, il progetto avanza

Un sopralluogo alla ex centrale di Polesine Camerini con lo staff della Human Company. E’ il progetto Futur-e. Il sindaco Pizzoli: “Portiamo avanti le nostre idee”.

Polo turistico, il progetto avanza

“Oggi, insieme alla Human Company, con Marta Cardini e lo staff di progettazione, abbiamo fatto un sopralluogo in Centrale. Il futuro passa dalle idee che portiamo avanti, sempre!”.

Così Roberto Pizzoli, sindaco di Porto Tolle, che su Facebook ha anche postato quattro foto per spiegare come proceda a pieno regime il progetto di riqualificazione della centrale Enel di Polesine Camerini che punta alla creazione di un villaggio turistico, in base al progetto Futur-e. Dunque, è stato fatto un nuovo sopralluogo nell’impianto dismesso.

Come noto, il gruppo Human Company, vincitore del bando Futur-e, costruirà Delta Farm, un polo turistico sostenibile. Anzitutto, dovrà essere portato a termine l’iter di demolizione della ex centrale Enel di Polesine Camerini, dopo che, prima dello stop imposto dall’emergenza Covid, erano stati ultimati i campionamenti e il piano di caratterizzazione del terreno essenziali per procedere con la bonifica dell’area e dare il via alla vera e propria riconversione.

Entro il 2023 del sito industriale del Delta del Po non resterà che la ciminiera di 250 metri, la più alta d’Italia. Il sito diventerà un polo turistico innovativo e sostenibile: si chiamerà Delta Farm e sarà realizzato da Human Company, gruppo fiorentino leader in Italia nel settore del turismo all’aria aperta con 4 milioni di presenze l’anno.

Un investimento importante relativo ad una struttura collocata in un luogo unico, patrimonio dell’umanità e riserva della biosfera Unesco.

Per realizzare il polo turistico, il gruppo fiorentino investirà circa 60 milioni di euro, mentre Enel contribuirà ai lavori di demolizione. Delta Farm sorgerà nell’area sud dell’ex centrale, su una superficie di 110 ettari, 20 dei quali ad area boschiva, e potrà ospitare fino a 8mila turisti al giorno, con aree ricettive destinate alle diverse tipologie di ospitalità open air, dalle piazzole (2.000-2.200) alle case mobili di ultima generazione. All’interno ci sarà spazio per attività commerciali, botteghe artigianali, imprenditori locali, mercati ittici e dedicati alle eccellenze agro-alimentari del Polesine e alla floricoltura. L'occupazione diretta prevista è di 400 addetti.

Dunque, il primo cittadino di Porto Tolle si è trovato con la Human Company, arrivata a Polesine Camerini proprio per il sopralluogo: oltre a Roberto Pizzoli, erano presenti la figlia del proprietario, Marta Cardini, lo staff di progettazione, con il professor Mancuso, per l’ambizioso progetto che sta andando avanti nell'iter procedurale dopo il rallentamento Covid.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Amazon continua a cercare lavoratori
CASTELGUGLIELMO E SAN BELLINO

Amazon continua a cercare lavoratori

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl