you reporter

TAGLIO DI PO

“A Villaggio Perla serve altro”

Renato Pregnolato, consigliere della lista “Tutti uniti per Taglio” contrario all’intervento. Dura critica dell’opposizione al progetto da 250mila euro per un campo di calcetto.

“A Villaggio Perla serve altro”

15/11/2021 - 10:13

“Un vero, serio e risolutivo intervento di riqualificazione del Villaggio Perla. E’ questo di cui hanno bisogno i cittadini di questa importante zona residenziale del nostro paese e non di inutili sprechi di denaro pubblico per discutibili, dannosi ed elettoralistici progetti non condivisi con i residenti”.

E’ questa la dura affermazione di Renato Pregnolato, consigliere comunale della lista “Per Taglio di Po uniti con Layla Sindaco”, nonchè residente nella zona interessata, che da anni denuncia e chiede interventi contro il degrado aggravatosi sempre più. “La Giunta comunale- prosegue Pregnolato - ha stanziato ben 235mila euro dal bilancio per un progetto diviso in tre stralci che, a ben vedere, non cambierà minimamente lo stato attuale delle cose e che rappresenta, invece, un modesto palliativo al problema. Infatti, con un primo stralcio da 60.000 euro, si provvederà ad una semplice manutenzione: con uno sfalcio dell’erba, una potatura di alcuni alberi morti o malati , una pulitura del fosso con rifacimento della recinzione esistente dello stesso. Mentre, con gli altri due da 95.000 e 80.000 euro rispettivamente , si sistemeranno il campetto da calcio esistente, la pista in cemento esistente, i giochi per bambini esistenti e il percorso vita mai utilizzato del Parco Perla attorno al fossato esistente. Mi chiedo se non fosse stato il caso di affidare l’incarico a un tecnico locale o ai nostri uffici comunali, anziché ad uno specialista di Rovigo, i quali avrebbero avuto l’occasione di parlare e confrontarsi con molti residenti in zona, con i consiglieri comunali e altri soggetti interessati, ottenendo proposte, informazioni aggiornate e corrette, indicazioni utili per predisporre un vero importante progetto di riqualificazione rispetto allo stato di attuale degrado ed abbandono”.

Sempre lo stesso incalza: “Si pensi che il progetto prevede l’utilizzo della pista in cemento per lo skate board attorno ai giochi del parco per bambini, attività sicuramente riservata a pochi appassionati, ma soprattutto pericoloso per le persone che frequentano il parco giochi, bambini e genitori per primi. Questo progetto nulla prevede circa il recupero della zona di fronte all’attuale cabina Enel, in passato pensata per spazio eventi culturali e di svago. Nulla viene proposto per una vera consistente delimitazione all’accesso delle zone di intervento con una vera custodia e sorveglianza contro gli atti di vandalismo che sono il vero grosso problema dei due parchi. Nulla viene proposto per la sistemazione delle piazzette delle varie strade con asfaltatura, delimitazione zona a parcheggi, illuminazione adeguata, posa di panchine in cemento per divenire piccole zone di aggregazione. Nulla viene proposto onde poter ricavare una vera e propria area di sosta attrezzata per grosse aggregazioni sociali dedicate ad eventi culturali, istruttivi scolastici ,musicali e gastronomici nei periodi più caldi, con installazione di moderni pannelli o schermi con continui messaggi educativi di tipo sociale o ambientale”.

A conclusione del suo intervento, Pregnolato dice: “Insomma, con 235mila euro presi dal bilancio corrente, credo fosse possibile progettare delle vere situazioni durature e qualificanti per una zona residenziale che ha bisogno, da troppo tempo oramai, di recuperare il proprio senso di comunità e appartenenza.”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

Natale con i nostri TESORI
Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl