you reporter

Taglio di Po

“Casa di riposo, l’area è stata messa in sicurezza”

Polemica a Taglio di Po: l’assessore replica al consigliere Pregnolato sulla Casa di riposo. Davide Marangoni: "L’area è stata messa in sicurezza. Ci sono priorità impellenti, è necessario reperire risorse”.

“Casa di riposo, l’area è stata messa in sicurezza”

Alcuni giorni fa, sulle pagine della stampa locale, Renato Pregnolato, consigliere della lista civica di opposizione “Per Taglio di Po Uniti con Layla Sindaco” denunciava pubblicamente la situazione in cui versa la casa di riposo Madonna del Vaiolo, lamentando, tra l’altro, “il silenzio dei nostri amministratori relativamente all’urgenza e all’entità dell’intervento da eseguire”, e “nessun tipo di intervento preventivato nè alcun tipo di programmazione nel settore socio sanitario”; si augurava che il sindaco stavolta non perdesse il suo tempo a polemizzare.

A Pregnolato risponde ora l’assessore ai lavori pubblici Davide Marangoni: “Leggevo sul giornale - esordisce - le osservazioni che il consigliere di minoranza Renato Pregnolato ha sollevato in merito alle transenne posizionate di fronte alla Casa di riposo. Considerazioni alquanto banali soprattutto quando si prende un pretesto per mettere, provocatoriamente, in discussione il lavoro fatto in questi anni dalla nostra amministrazione”.

L’assessore tiene a precisare che i lavori che dovranno essere fatti alla Casa di riposo prevedono il rifacimento della facciata prospiciente via Romea in quanto, sulla scorta di una perizia tecnica, il Ciass ha rilevato la presenza di un problema sul prospetto principale dell’edificio.

“Ovviamente, sulla scorta di quanto illustrato - afferma - abbiamo deciso di mettere in sicurezza l’area e, considerata la presenza del portico, abbiamo deciso di sfruttarlo per mantenere il passaggio pedonale. Inoltre, viste alcune priorità impellenti e la necessità di reperire le necessarie risorse economiche per intervenire, abbiamo deciso di posticipare l’intervento. Ora, considerato anche il carico di lavoro dell’ufficio tecnico, come amministrazione stiamo valutando l’opportunità e la fattibilità di fare un accordo con il Ciass al fine di intervenire in tempi più celeri e ripristinare l’ordinaria viabilità del marciapiede. E’ diventata ormai una prassi consolidata, per questa amministrazione, quella di intervenire dove altri, prima di noi e per decenni, non sono intervenuti: il Pala Vigor o la viabilità comunale sono due esempi clamorosi di assenza di manutenzione ordinaria a cui la nostra amministrazione ha posto un freno”.

Marangoni ricorda che, “alcuni anni fa, sempre da parte di questa amministrazione, è stato fatto un intervento di oltre 300mila euro per la messa a norma di tutta l’impiantistica della Casa di riposo, che ha consentito di ottenere la certificazione per la prevenzione incendi, fino ad allora assente, e la successiva agibilità del fabbricato”. “I lavori, durati alcuni mesi - aggiunge Marangoni - hanno consentito di ottenere una struttura sicura per tutti i pazienti ospitati”. “Voglio aggiungere - conclude - che è stato il primo importante intervento a cui sono seguiti quelli nelle altre strutture facenti parti del Ciass”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl