you reporter

Porto Tolle

“L’argine racconta”, ecco il Delta

In sala consiliare la presentazione dell’opera dell’autore Gianni Vidali. Roberto Pizzoli: “Questo è il paese più bello del mondo”. Diego Crivellari: “Un libro da gustare”.

Un fantastico spaccato del Delta. Nella giornata di oggi è stato presentato, in sala consiliare a Porto Tolle, il libro di Gianni Vidali, portotollese doc, “L’argine racconta”, che tratta del Delta e di Porto Tolle, con esperienze di vita, politiche e molto altro.

Ad introdurre la presentazione, l’assessore alla cultura Silvana Mantovani: “Sono contenta che Gianni Vidali sia qua. Gianni è una grande persona che sta facendo il massimo per Porto Tolle”. Successivamente è intervenuto il sindaco Roberto Pizzoli: “Sono felice che questo libro parli di Porto Tolle, il paese più bello del mondo, che amo e che grazie a questo libro è ancora più valorizzato, per cui non posso che ringraziare Gianni”.

In seguito, Ivan Dall’Ara, presidente della provincia, ha detto: “Ho frequentato spesso la terra di Porto Tolle e sono del parere che è un ambiente bellissimo e che spesso mi trovo a frequentare. Qui sono un ‘fuorisacco’, perché non sono il padrone di casa, ma un ospite di questo bel comune. Gianni è un mio carissimo amico già da quando eravamo nel glorioso Partito comunista. Ci lega un’amicizia storica e quando mi è venuto a chiedere di presentare il libro in provincia, io gli ho dato carta bianca. Io ci sarò sempre per questo paese, per questo Delta e per tutti i suoi abitanti”.

La parola quindi è passata all’ex onorevole Diego Crivellari: “Un libro veramente bello, un libro che si fa leggere, che si fa gustare fin dalla prima pagina. Questa credo sia la qualità migliore di questo romanzo, come la facilità di raccontare e la profondità di farlo partendo dalla migrazione di massa. In questo libro c’è l’amore per la sinistra, per quel partito comunista. Penso che i circoli, lo studio, il prepararsi, lo stare insieme erano tutte caratteristiche importanti in quel partito. Molti di questi aspetti li trovo nel libro. Sarebbe giusto che la sinistra stessa capisse quanto è importante l’esperienza del Partito comunista italiano in Polesine e Gianni lo ha ricordato perfettamente”.

Poi è intervenuto Luciano Scarpante, artista di Porto Tolle: “Non sono nato a Porto Tolle, ma sono sempre stato qua, dato che dopo l’alluvione del 1951 sono emigrato qui e proprio qui ho fatto amicizia con Gianni. Ci scambiavano libri di qualsiasi genere, per cui cercavamo sempre di aiutarci a vicenda. Avevamo pochi soldi, ma ugualmente riuscivamo ad essere acculturati nel miglior modo possibile. Prima di dare il libro alle stampe, proprio Gianni mi ha dato la possibilità di leggerlo per capire com’era e devo dire che veramente è un libro scorrevole. Non ci sono solo i grandi temi, ma anche le storie di un tempo, le chiacchierate”.

Infine, la parola è passata all’autore Gianni Vidali: “Sono veramente contento che tante persone siano arrivate qui per ascoltare le mie parole. Devo dire che a me è sempre piaciuto scrivere. Nel libro, ci sono storie di vita che mi hanno fatto crescere tantissimo, voglia di scrivere del Delta, dei luoghi e del posto in cui sono nato. Io credo che non ci sia nulla di più importante nello scrivere delle proprie origini, del proprio paese, del proprio essere portotollese”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl