you reporter

PORTO TOLLE

"Fermo pesca inaccettabile. Ricade su famiglie e comunità"

Il sindaco Pizzoli: "Servono soluzioni adeguate per mantenere l’equilibrio tra pesca e risorse ittiche"

pescatori pila1

"La pesca è una delle principali attività economiche di Porto Tolle ed è già vessata dalle politiche comunitarie che hanno ispirato il decreto licenziato dal Ministero. In virtù di una sacrosanta difesa e preservazione dell’ambiente e della fauna marini, non si tiene conto dell’insostenibilità economica di certe linee guida, che finirà col ritorcersi sulle famiglie e sulla comunità. E’ comprovato come sia possibile mantenere un equilibrio tra attività di pesca e salvaguardia delle risorse ittiche, ma tale equilibrio deve passare per soluzioni adeguate che non comprendano la costante riduzione delle giornate di lavoro
dei pescatori", sono le parole del sindaco di Porto Tolle, Roberto Pizzoli.

L’Assessore Tania Bertaggia aggiunge: "Il nuovo decreto è inaccettabile. Infatti, lo scopo di tutela delle risorse ittiche è già ampiamente attuato dalle leggi del mercato. Il 2020 ha visto una drastica riduzione della domanda di pescato quale effetto della pandemia. Invero la sospensione dell'attività di ristorazione, ha comportato una forte riduzione della domanda. Questo decreto va ad incidere ulteriormente ed immotivatamente nel settore ittico già provato dagli effetti della emergenza sanitaria con riflessi in tutto il contesto socio-economico. Ricordiamo che ad ogni attività è legato il sostentamento di intere famiglie. Il Governo dovrà rivedere la disposizione adottata di concerto con le associazioni di categoria".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl