you reporter

PORTO TOLLE

Il Centro servizi parte e assume personale

Vicesindaco e responsabile della struttura hanno comunicato gli aggiornamenti in diretta

Il Centro servizi parte e assume personale

La vicesindaco, Silvana Mantovani, e la responsabile del centro polifunzionale San Nicolò, Federica Marangon, hanno parlato dei servizi della nuova struttura sociosanitaria. Marangon ha evidenziato che si tratta un centro servizi anziani residenziale, ma l’offerta è stata estesa anche al servizio di centro diurno.

“Poi possiamo proporre periodi di riabilitazione a breve termine”, ha spiegato. “Si può quindi personalizzare il servizio a seconda di esigenze specifiche degli ospiti e dei loro famigliari” ha detto la vicesindaco.

Per accedere alla struttura è stato precisato che si può procedere a libero mercato o in convenzione col Servizio sanitario nazionale. “In tutti e due i casi occorre la valutazione Svama, multifunzionale dell’anziano, che viene valutato dal punto di vista sociale, dal punto di vista medico, e dal punto di vista assistenziale. La richiesta Svama viene fatta nel Comune di residenza – ha continuato Marangon - Dopo la valutazione di una commissione, le persone ricevono un punteggio che dà accesso ad una graduatoria unica, da un minimo di 60 al massimo di 100 per la non autosufficienza”.

In base a questo le persone hanno accesso e per coloro che hanno i punteggi più alti viene assegnata l’impegnativa di residenzialità.

“Abbiamo appena ottenuto l’accreditamento dalla Regione del Veneto – ha affermato Mantovani - A libero mercato la quota è completamente a carico dell’utente, cioè la quota sociale e la quota sanitaria. Invece se c’è impegnativa, la quota sanitaria viene pagata dalla Regione del Veneto, quindi la tariffa si abbassa per l’utente. Ora si sta organizzando insieme all’Ulss una convenzione per l’apertura. Quindi ora possiamo aprire a libero mercato e nelle prossime settimane anche con l’accreditamento”.

E’ stato anche detto che la struttura può essere visitata su appuntamento. Quindi, coloro che hanno un famigliare che vorrebbe entrare al centro servizi anziani, lo possono visitare prima per avere una visione personale.

“Il primo ufficio a cui ci si deve rivolgere per chiedere informazioni per ricoverare una persona è quello degli uffici sociali del Comune” ha continuato la vice sindaco. Se una persona viene da un’altra Regione in questo caso i distretti socio sanitari si attivano per valutare il caso. Svama riguarda la Regione Veneto, altre Regioni hanno altri tipi di valutazioni. Un anziano che viene ricoverato completamente a carico della famiglia al giorno, in libero mercato, spende 85 euro. Coloro che invece hanno l’impegnativa, cioè la copertura sanitaria offerta dalla Regione, spendono 52,70 euro al giorno. I servizi offerti sono l’assistenza infermieristica, l’assistenza di base, il vitto, i servizi accessori come lavanderia e le attività che si fanno durante il giorno. La dottoressa Marangon ha detto che la struttura cerca infermieri, operatori socio sanitari, un educatore professionale, uno psicologo, un logopedista, e un assistente sociale. Il curriculum si invia alla mail del sito www.consorziopass.it. Per chiedere un appuntamento con l’assistente sociale telefonare al numero 0426394462. Oppure il funzionario 0426394444. Mail sociosanitario@comune.portotolle.ro.it.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl