you reporter

Cavalli, le fatture per vitto e alloggio pesano sulle casse del Comune

Il caso

68912

11/01/2017 - 13:02

C’è da scommettere che diventerà uno degli argomenti della prossima campagna elettorale. Non il principale, certo, ma pur sempre motivo di polemica, anche perché in questo caso lo “spreco” è evidente: 9mila 600 euro all’anno pagati dal Comune di Porto Viro per mantenere a “pensione” i sette cavalli di proprietà comunale superstiti (uno è morto nel frattempo) trasferiti dall’allora sindaco Thomas Giacon nell’azienda Silvano Rossi di Ariano nel Polesine.



Una decisione arrivata nell’aprile del 2015 dopo che primo cittadino e giunta avevano deciso di toglierne l’utilizzo alla cooperativa Don Sandro Dordi, dove erano stati accuditi ed usati nell’ambito dell’attività sociali e di reinserimento del centro ippico “Le Redini”.



A fronte delle fatture che mensilmente arrivano in Comune da parte dell’azienda di Ariano, è possibile che non ci sia un’alternativa a quella di mantenere sette cavalli chiusi in una struttura senza poterli in alcun modo utilizzare?



E se anche quei cavalli, in gran parte abbastanza anziani, non sono più utilizzabili a pieno regime, è possibile che non ci sia modo di cederli a qualcuno che se ne prenda cura e, magari, li destini semplicemente a fare quello che facevano prima dello sfratto fortemente voluto dall’ex sindaco, e il cui “vitto e alloggio” invece continuano a pagare tutti i portoviresi?



Sono domande a cui non sarebbe una cattiva idea dare una risposta prima delle elezioni, contando sul commissario Funcillo. Intanto, nelle interviste dei politici che si preparano ad affrontare la fase delicata della scelta dei candidati prima, e della formazione delle liste, poi, il tema dei cavalli (dallo sfratto alle spese che si continuano a sostenere tutti i mesi) non manca praticamente mai.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl