you reporter

Preti gay, il caso si allarga <br/> ora trema la curia di Brescia

sacerdote.jpg
Dopo la curia di Taranto ora trema quella di Brescia. Sempre per mano del 32enne rodigino che denuncia offerte sessuali omosessuali da parte di sacerdoti.

Lo scandalo quindi si allarga a macchia d’olio, e d’altra parte lo stesso 32enne rodigino nell’intervista rilasciata alla Voce pochi giorni fa aveva anticipato l’imminente invio di un esposto al tribunale ecclesiastico di Brescia e di Bergamo.

Lo scandalo a luci rosse che coinvolge alcuni preti quindi approda in Lombardia. Le accuse denunciate nell’esposto del rodigino sono simili a quelle inviate alla curia di Taranto e che hanno portato alla rimozione di un frate carmelitano pugliese da parte dello stesso tribunale ecclesiastico. Lo stesso esposto è stato anche portato alla procura della repubblica di Rovigo.

Questa volta al centro delle segnalazioni hard c’è un religioso della bassa provincia bresciana. Secondo quanto riferito del 32enne rodigino il prete in questione avrebbe contattato il rodigino come aveva fatto il frate pugliese, ossia attraverso Facebook. Il 32enne ha così raccontato di essere stato contattato da un sacerdote della provincia di Brescia con proposte oscene: “Continua da una settimana a chiedermi di uscire e fare sesso. Premetto che io non sono gay, sono stato al gioco - ha scritto nell’esposto - per capire che cosa volesse alla fine. Alla fine esce che vuole fare sesso con me, che è iscritto in un sito web gay”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl