you reporter

Bergamin sulla guerra dei rifiuti <br/> "Indagherà la magistratura"

La vicenda

49536

04/11/2015 - 11:00

di Alberto Garbellini

ROVIGO - Uno scontro infinito. Nel quale, secondo il sindaco di Rovigo, ora ha messo gli occhi anche la magistratura. Bergamin infatti sostiene che sul tema rifiuti “ci sono indagini in corso”.

E intanto i sindaci polesani hanno mandato in comune la loro proposta di statuto per il Consiglio di bacino. Il sindaco Massimo Bergamin ha affidato a Facebook la sua replica agli attacchi dei sindaci polesani che hanno chiesto di non rallentare più il processo di fusione fra Ecoambiente e Consorzio Rsu e la costituzione del Consiglio di bacino. Ed ha tirato in ballo un’indagine della magistratura sul tema rifiuti.

Rivolgendosi ai cittadini di Rovigo ha detto: “Voi non potete nemmeno immaginare quante e quali pressioni possa subire un sindaco di una città capoluogo come Rovigo, per quanto riguarda la vicenda rifiuti-discarica da 55mila tonnellate all’anno per 8-10 anni”. E ancora: “Per adesso non posso dire altro, ci sono delle indagini in corso, ma il mio impegno non verrà meno. A tutela vostra, delle tariffe, dei conti del comune di Rovigo, e del futuro, e quindi anche della salute pubblica di tutti i polesani. Vi dico solo un’ultima cosa: non cadete nel tranello mediatico che vuole far passare il sottoscritto quale unico sindaco contro altri sindaci polesani. Non è così. Chi oggi sbraita ai quattro venti, è a sua volta politicamente ostaggio di una maggioranza trasversale che, guarda caso, è la stessa che sta cercando di dettare legge in molte aziende partecipate. Io le partecipate le voglio azzerare, e possibilmente chiudere, loro, invece, vogliono continuare a mantenere una pletora di riciclati e politicamente trombati”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl