you reporter

Alloggi parcheggio, in cento <br/> attendono un posto

L'inchiesta

beatrice di meo.JPG

Beatrice Di Meo

08/02/2016 - 14:31

Il viaggio negli alloggi parcheggio si conclude. Fare un bilancio è drammatico: ci hanno aperto la porta persone in difficoltà che vivono in appartamenti che accentuano pure la situazione di disagio estremo. Di certo una situazione che stimola a trovare le forze per uscire da quelle case. Ma non sempre è così. Nel corso del nostro viaggio negli alloggi parcheggio abbiamo anche documentato un progetto di “coabitazione sociale” messo in piedi da Arcisolidarietà che però è sfuggito da ogni logica. Lì soprattutto si trovano famiglie che invece di reagire alla situazione difficile si sono adagiate sui Servizi Sociali aspettando che qualcuno pensi a trovare una casa per loro.

Rassegnandosi invece, di fatto, in questo modo, a vivere ammassati nello stesso appartamento, nel disagio dovuto al sovraffollamento, in case vecchie e piene di lavori da fare. Gli appartamenti in coabitazione, in particolare, sono una vera e propria bomba a orologeria. Tra marzo e maggio ci saranno ben 44 persone - una decina di famiglie - da ricollocare, oltre alle 65 che aspettano un alloggio parcheggio, per cui una vera e propria emergenza. A fare il quadro, ora, e a doversi districare in questo vespaio, è l’assessore ai Servizi Sociali Beatrice Di Meo.

Facciamo il punto proprio con lei. Assessore, com’è la situazione degli alloggi parcheggio?

“Gli appartamenti, di proprietà comunale, sono 102. Diciotto sono chiusi, per il momento non assegnabili, perché necessitano di manutenzioni. Quattro si libereranno e verranno rassegnati a breve”.


Chi li gestisce e chi paga le manutenzioni?


“La gestione è una competenza mista tra i Servizi Sociali e l’ufficio Patrimonio. Le manutenzioni sono a carico del Comune. Per assegnarli c’è una graduatoria d’emergenza che non si sovrappone alla graduatoria Ater per l’assegnazione di case definitive. Purtroppo i casi di emergenza abitativa sono talmente tanti che c’è bisogno di assegnare dei punteggi anche alle soluzioni parcheggio, come vengono definite per differenziarle appunto dall’Ater”.


Se non bastano i 102 appartamenti, come fate?


“Prossimamente andrà in Consiglio comunale la delibera per la riserva degli alloggi Ater. In sostanza si chiede all’Ater di alzare la riserva degli alloggi rodigini per l’emergenza”.


Entriamo nel dettaglio, se uno è sotto sfratto diciamo perché non può più pagare l’affitto o le rate del mutuo, come funziona dal momento in cui si rivolge ai Servizi Sociali?


“Si prende atto dello stato di famiglia, si chiede se ha dei genitori o dei fratelli con cui poter trovare una soluzione. Se non ha nessuno, può entrare nella graduatoria mobile per l’assegnazione di un alloggio parcheggio. La graduatoria mobile serve a far prevalere le urgenze: per esempio chi ha lo sfratto esecutivo con la procedura giudiziaria avviata verrà prima di chi ha solo l’ingiunzione. Sulla carta l’emergenza va rivista ogni tre mesi ma ci sono famiglie che impiegano più tempo ad uscire dalla situazione di difficoltà”.



Quanto si può restare in alloggio parcheggio? Perché a volte si ha la sensazione che una volta entrati, poi l’emergenza non passa più.


“Sono due anni prorogabili per altri due se ci sono una serie di fattori che vengono valutati di caso in caso, come presenza di minori, eccetera”.



Come si fa però ad allontanare qualcuno che non ha più diritto di stare?


“Fatte le opportune verifiche, che è l’ufficio patrimonio a svolgere, lo stesso ufficio può decretare la decadenza del diritto e quindi buttare fuori chi non ha più diritto”.


Quante domande ci sono, ancora in attesa di risposta?


“Nel 2015 sono state fatte 20 domande di alloggio, 7 non avevano i requisiti di legittimità richiesti. In tutto ci sono 65 domande in graduatoria. 4 case verranno assegnate a breve”.



E quali sono questi requisiti?


“Il regolamento è sul sito, visibile a tutti, comunque tra i vari punti ci sono i limiti di reddito, bisogna essere in regola con il permessi di soggiorno se si è stranieri, con i documenti più in generale, e bisogna dimostrare di risiedere nel territorio comunale di Rovigo da almeno 1 anno. Poi non bisogna aver rifiutato un alloggio precedentemente”.



Quali misure sta prendendo per far fronte a tutte queste domande?


“Vado per esempi. Prima ipotesi: c’è un reddito, basso, ma c’è. In questo caso come assessore sto cercando di stringere un accordo con l’Unione proprietari immobiliari per valutare una Imu agevolata a chi affitta a canone calmierato che non superi i 300 euro circa al mese. Seconda ipotesi: chiedere un comodato d’uso attraverso un accordo con associazioni edili sempre a prezzi bassi. Terza ipotesi: istituire un fondo di garanzia per i proprietari che affittano a canoni calmierati con i depositi cauzionali e implementazioni del Comune. Sono alcune delle idee a cui sto lavorando”.


Invece come si risolve il problema delle manutenzioni? Si dice sempre che non ci sono soldi...


“In effetti avevamo chiesto 5mila euro ad Asm Set per la manutenzione di 11 alloggi. Per ragioni contabili e tempi tecnici non è stato possibile impegnarli entro il 2015 ma non sono persi, ci sono e potranno essere spesi ma solo dopo l’approvazione del bilancio di previsione. Insomma dopo marzo. Un altro modo di cercare fondi è sentire la Fondazione, che ha un fondo per il sociale. Si tratta di chiedere se accettano, nella rendicontazione, che i soldi messi a disposizione possano essere utilizzati per sistemare le case per le famiglie in emergenza. anche su questo fronte stiamo lavorando”.


Quale sarà il destino di quelle 44 persone che rischiano di uscire dalle case in condivisione?


“L’esperimento delle case in condivisione devo dire non mi è piaciuto. Abbiamo ottenuto problemi di sovraffollamento - certificati dai dirigenti -, di sicurezza degli edifici e pure di igiene. Tuttavia nessuno sarà lasciato solo. Stiamo già lavorando in più direzioni per aiutare tutti. Speriamo che anche le famiglie aiutino se stesse, noi faremo tutto il possibile”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl