you reporter

Gettato dall'auto e poi soppresso <br/> a processo per aver ucciso il suo cane

Il caso

40876

Una foto di archivio

29/03/2016 - 13:59

Era stanco del suo cane e per liberarsene l'aveva gettato dal finestrino dell'auto mentre percorreva la Transpolesana. Ma la bestiola, pur ferita, era stata recuperata da una ragazza e alla fine, riconsegnata al proprietario tramite il canile. Il quale, non si è rassegnato e ha portato il suo quattro zamope dal veterinario per farlo sopprimere.



E' stato rinviato a giudizio per maltrattamenti l'87enne che nel marzo del 2015 aveva gettato il suo cane dal finestrino dell'auto. Rinviato a giudizio insieme al veterinario per la soppressione successiva dell'animale che si era salvato.



E' stato prosciolto perché il fatto non sussiste, invece, il responsabile del canile che aveva restituito il cane al suo padrone, dopo che la ragazza lo aveva salvato in Transpolesana. La pena, in caso di maltrattamenti può andare da 4 mesi a due anni di reclusione.



Il servizio completo in edicola nella Voce di mercoledì 30 marzo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl