you reporter

"Striscia" esce pulita dalle accuse di stalking e diffamazione

Il caso

73043

02/03/2017 - 11:58

"Striscia la notizia" esce pulita dalle accuse di stalking e diffamazione sollevate da Stefano Callegaro, il vincitore di Masterchef 2015.



Ad archiviare il caso è stato il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Rovigo Alessandra Martinelli, secondo cui le ipotesi di reato non sussistono. Sotto indagine erano finiti Antonio Ricci, storico autore del tg satirico in onda su Mediaset, i due conduttori Ficarra e Picone e Massimiliano Laudadio. Oltre a due ex datori di lavoro dello chef vincitore.



Il caso aveva raggiunto il tribunale il 7 dicembre scorso, ma tutto era iniziato poco prima che il polesano fosse incoronato campione della famosa gara di cucina in tv.



Secondo le ricostruzioni," Striscia la notizia" avrebbe svelato il nome del vincitore prima della finale per poi "accanirsi" su di lui con una serie di servizi in cui venivano messi in dubbio i requisiti del polesano. Il programma prevede da regolamento che i partecipanti siano dilettanti dei fornelli e non chef professionisti. Ma, stando ai servizi di Striscia, pareva che Callegaro avesse già avuto qualche esperienza in cucina.



Davanti alle telecamere del tg satirico erano finiti non soltanto amici e conoscenti, ma anche due ex datori di lavoro, esponenti di una catena di prodotti alimentari che oltre alla vendita si occupa anche di dimostrazioni a domicilio, di cui Callegaro, secondo loro, dava prova ai clienti.



Bombardato dai servizi tv e allarmato dalle insinuazioni sull'"opacità" della sua vittoria, Callegaro aveva deciso di rivolgersi alla giustizia. Ma il giudice ha deciso di chiudere il fascicolo degli indagati senza nessuna condanna a loro carico. I quattro personaggi del piccolo schermo avrebbero esercitato il diritto di critica senza il proposito dannoso che caratterizza lo stalking.


LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl