you reporter

"Volevano fare centinaia di morti nel cuore di Venezia"

Terrorismo

626667565_640.jpg

31/03/2017 - 00:15

Erano davvero pronti a colpire, a farsi saltare in aria sul ponte di Rialto con l'intenzione di fare una strage, "perché con Venezia ti guadagni il Paradiso".

Parole da incubo, quelle registrate dalle microscopie dei corpi speciali di polizia e carabinieri che da qualche tempo li avevano individuati e messi sotto controllo. Fino al blitz di questa mattina (giovedì 30 marzo) all'alba, a Venezia, con perquisizioni che sono scattate anche a Mestre e in altre località del Veneto.


Era una cellula jihadista in piena regola, quella stroncata a Venezia. In manette tre kosovari residenti in Italia e un minorenne. Hanno tutti meno di trent'anni, il più vecchio è del 1989.



Il procuratore generale di Venezia, Adelchi d'Ippolito, non ha dubbi:"Erano jihadisti molto pericolosi. Si dicevano che mettere una bomba a Venezia avrebbe significato guadagnarsi il paradiso".

La loro intenzione era quella di fare "centinaia di morti". Due degli arrestati lavoravano come camerieri in un locale a Venezia e alloggiavano in un palazzo vicino al teatro La Fenice.

Il video del blitz riportato in questa pagina, per il quale ringraziamo i collechi de Il Mattino di Padova, è impressionante.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl