Cerca

ROVIGO

Unipol intima al Comune di pagare il debito di Veneto Nuoto

Sei milioni e 343mila euro e qualche spicciolo. E' quanto ha chiesto con una formale ingiunzione al pagamento la banca Unipol al Comune di Rovigo.

Unipol intima al Comune di pagare il debito di Veneto Nuoto

Due giorni fa la "batosta" che per un anno intero il Comune di Rovigo ha provato a evitare: Unipol, basandosi su un articolo della convenzione sul project financing per la costruzione del polo natatorio, il pagamento del debito di Veneto Nuoto. La banca, visto il fallimento di Veneto Nuoto, il 15 di ottobre ha trasmesso al Comune l'ingiunzione al pagamento di 6.343.020,52 euro.

Il sindaco Massimo Bergamin, insieme all'Avvocato Civico Ferruccio Lembo, oggi pomeriggio 17 ottobre, ha incontrato, a Bologna, i vertici di Unipol Banca. E alla fine della riunione, in una nota stampa ha dichiarato: "Massima apertura da parte dei nostri interlocutori che ringrazio per la disponibilità e per la comprensione della delicata situazione in cui versa il nostro Comune - ha detto il Sindaco Bergamin - Abbiamo delineato un percorso. Sono fiducioso che si possa raggiungere l'accordo per il quale, il Comune di Rovigo ha già accantonato quanto necessario al suo perfezionamento.

"Le trattative - ha aggiunto - quindi proseguono e sono ottimista che, a breve, si possa chiudere una vicenda che tiene tutti con il fiato sospeso da oltre un decennio. Tengo infine a rassicurare tutta la comunità che il Comune di Rovigo non rischierà alcun default".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy