you reporter

giornata dell’infermiere

Una professione unica e indispensabile

Senza di loro, il rischio di mortalità aumenta del 30%

Una professione unica e indispensabile

13/05/2022 - 19:26

Vicini e utili agli altri, ai cittadini, alle persone. Questo rende unica la professione infermieristica che, come ogni anno, il 12 maggio celebra la propria ricorrenza, la Giornata internazionale dell'infermiere, in memoria di Florence Nitghingale, fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna.

“Dobbiamo essere in grado - afferma Denis Piombo, presidente dell'ordine delle professioni infermieristiche di Rovigo - di trarre da quella che ormai tutti definiscono una emergenza infermieristica la forza e l’indicazione per un riposizionamento verso l’alto della nostra professione, come ha recentemente sostenuto la nostra presidente nazionale Barbara Mangiacavalli. Questi anni di pandemia hanno esacerbato una situazione già precaria in termini di fabbisogno di personale".

"I numeri non sono sinonimo di qualità, ma adesso serve lavorare sia sul piano quantitativo che su quello qualitativo. È necessario rendere attrattiva la professione infermieristica compiendo scelte coraggiose, lasciando alle spalle consuetudini e sistemi anacronistici, adottando una visione ampia che guardi alla prospettiva del domani. Senza infermieri il rischio di mortalità aumenta del 30%. Senza infermieri non c'è prossimità territoriale e le cure del paziente rischiano di essere abbandonate. Senza infermieri il nostro servizio sanitario non cresce”.

Il presidente dell'ordine degli infermieri di Rovigo si sofferma sul contesto provinciale dedicando la Giornata internazionale degli infermieri a tutti i professionisti iscritti all'albo provinciale. “Il nostro direttivo e la commissione albo - dichiara - dedica questo momento a tutti gli attuali 2.112 infermieri iscritti al nostro ordine. Ogni singolo professionista è fondamentale. Come tutte le realtà italiane anche Rovigo ha vissuto un momento sanitario e sociale drammatico, ma gli infermieri sono stati un punto di riferimento, dentro e fuori dagli ospedali. La pandemia ci ha colpiti ma siamo riusciti a resistere e rialzarci grazie alla nostra preparazione e professionalità. Una professionalità che merita il giusto rispetto e riconoscimento sociale ma anche economico”.

“Ora è arrivato il momento - conclude Piombo - di investire sulle risorse. Gli investimenti previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza vanno anche nel senso di riorganizzare, aggiornare e ridisegnare il sistema sanitario nazionale. E qualunque investimento non può prescindere dal fattore più determinante in sanità, la risorsa umana”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl