you reporter

"Magistrati e forze dell'ordine <br/> disarmati da leggi colabrodo"

Criminalità

50080

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia

18/02/2016 - 12:15

"Come spiega bene il Procuratore di Treviso Michele Dalla Costa il vero problema sono leggi colabrodo che impediscono ai magistrati, che le devono applicare, di sbattere in galera questi personaggi. La vergogna è che non si preveda il carcere per pene inferiori ai tre anni. La vergogna è del legislatore che anche ultimamente si è preoccupato di svuotare le carceri per non farsi tirare le orecchie dall'Europa piuttosto che difendere la gente dalla criminalità e mettere Forze dell'Ordine e Magistratura nelle condizioni di fare il loro lavoro. E' più di un mese che a Roma si tirano pietre in faccia sulle unioni civili, quando, se ci fosse la volontà politica di una maggioranza, anche trasversale, per indurire le leggi e garantire la certezza della pena basterebbe una legge di un paio di articoli".

Lo dice il Presidente della Regione Luca Zaia, commentando la vicenda dello spacciatore gambiano e del magrebino violento, entrambi recidivi, arrestati e rimessi in libertà a Treviso.

"In un Paese civile – aggiunge Zaia – questi due sarebbero finiti in carcere e ci sarebbero rimasti. Nel caos buonista italiano non solo tornano fuori in men che non si dica, ma non si riesce nemmeno a rispedirli da dove sono venuti perché non vengono portati in un porto o in un aeroporto, ma gli si consente di tornare a infestare il territorio con le loro malefatte. Stiamo assistendo a un crescendo di figuracce statali che va fermato al più presto".

"Faccio appello a tutti i Parlamentari italiani – conclude Zaia – perché si ponga fine a questa deriva varando in fretta leggi più severe, con condanne certe e certezza della pena. Si può fare, ma bisogna volerlo".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl