you reporter

Empori della solidarietà, son 133mila i veneti assisiti

Veneto

51498

L'assessore regionale al sociale Manuela Lanzarin

17/10/2016 - 18:53

Sono 133 mila i veneti ‘assistiti’ dalla rete degli empori della solidarietà, ‘banchi’ di distribuzione delle eccedenze alimentari (e non solo) creati dal mondo del volontariato e del non profit e sostenuti dalle amministrazioni locali e della Regione. In concomitanza con la Giornata mondiale di lotta alle povertà l’assessore al sociale della regione Veneto, Manuela Lanzarin, richiama l’attenzione su una esperienza innovativa di contrasto le nuove e vecchie povertà, nata sulla scorta del Banco Alimentare, e promossa in Veneto da un’apposita legge che ha anticipato di un lustro la legge nazionale per il recupero delle eccedenze e contro gli sprechi alimentari (la cosiddetta legge Gadda).



Attualmente sono dieci gli empori attivi nel territorio che appartengono alla rete regionale, gestiti dagli Amici della Solidarietà di Montebelluna, San Vincenzo de Paoli di Treviso, Cooperativa Primavera di Mirano, Caritas Feltrina di Feltre, Associazione Carità Clodiense, Cooperativa sociale Solidalia di Cittadella, Associazione Casa di Martino a S. Martino Buon Albergo, Associazione carità S. Zeno e Banco Alimentare a Verona. Gli empori riforniscono un migliaio di associazioni del territorio, che a loro volta assistono 133 mila poveri, distribuendo circa 6 mila tonnellate l’anno di generi di prima necessità: cibo, prodotti per l’igiene, ma anche capi di vestiario, parafarmaci e prodotti per l’infanzia.


“La Regione Veneto ha investito quest’anno 400 mila euro per sostenere la rete degli empori – dichiara l’assessore – con l’obiettivo di promuovere queste forme innovative di recupero delle eccedenze e di potenziarne la presenza capillare e l’integrazione con gli altri servizi. La povertà può essere combattuta solo attraverso un sistema di rete tra enti, istituzioni, imprese e terzo settore. Gli empori della solidarietà sono un terminale nel territorio di progetti integrati di presa in carico a sostegno delle famiglie, dei minori, degli anziani sotto la soglia di povertà”.


“Il nostro obiettivo è allargare la rete, sensibilizzando imprese ed enti locali alle opportunità offerte dalla legge anti-sprechi. E puntiamo ad affiancare agli empori anche nuovi servizi, come gli ambulatori medici ‘della solidarietà’ per chi non può permettersi farmaci e cure odontoiatriche – dichiara l’assessore Lanzarin – Gli empori devono diventare i capofila di progetti territoriali più ampi di contrasto alle povertà, che mettano imprese, enti locali e non profit in dialogo nel comune impegno di assicurare i beni primari a chi è più in difficoltà”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl