you reporter

Padova

Il miracolo di Capodanno: operano tumore esteso al cuore

Una task force di urologi e chirurghi epatobiliari e cardiovascolari ha salvato la vita a una persona che aveva un tumore a rene e cuore. Una tecnica mia sperimentata prima.

Il miracolo di Capodanno: operano tumore esteso al cuore

31/12/2018 - 13:24

Il miracolo di capodanno. È successo all’ospedale di Padova, dove una task-force di specialisti - cardiochirurghi, urologi, chirurgi epatobiliari - ha rimosso un tumore renale esteso al cuore aspirandolo senza aprire il torace con nuova tecnica.
 
È la prima volta al mondo che viene effettuato un'intervento del genere - come rileva l'Azienda ospedaliera - con il paziente in recupero che tornerà presto alla sua vita normale.
 
Al paziente, affetto da numerose patologie e già sottoposto ad intervento di triplice by-pass aorto-coronarico, è stato scoperta durante una visita di controllo una patologia renale.
 
L'esame ecografico prima e la Tc addominale hanno dimostrato la presenza di un tumore renale destro esteso fino al cuore. L'intervento che normalmente viene eseguito in questi casi prevede: l'asportazione del rene coinvolto dal tumore attraverso l'apertura dell'addome e la rimozione del trombo/tumore dal cuore attraverso l'apertura del torace e del cuore con l'ausilio del bypass cardiopolmonare totale in collaborazione tra urologi e cardiochirurghi.
 
Nel caso specifico, per la presenza delle numerose patologie ed in particolare per il pregresso intervento con i bypass localizzati nei siti chirurgici strettamente connessi alla riapertura, l'approccio tradizionale era proibitivo. Con un intervento di 12 ore, i cardiochirurghi in collaborazione con i cardioanestesiti ed i perfusionisti hanno rimosso il tumore dall'interno del cuore, senza aprire il torace, a cuore battente, senza l'ausilio del bypass cardiopolmonare totale con una solo incisione a livello dell'inguine.
 
Gli urologi hanno proceduto poi con l'apertura dell'addome e l'isolamento della vena cava inferiore e del rene di destra mentre i chirurghi epatobiliari hanno isolato il fegato. Quindi i cardiochirurghi, gli urologi ed i chirurghi epato-biliari coadiuvati dai cardioanestesisti e dai perfusionisti hanno operato contemporaneamente al tavolo operatorio per l'asportazione del rene, per la rimozione del trombo/tumore dalla vena cava e per prevenire l'embolia polmonare causata da eventuali embolizzazioni di materiale neoplastico.
 
L’equipe multidisciplinare
 
Cardiochirurghi: 
Prof. Gino Gerosa - Direttore Cardiochirurgia, Dott. Vincenzo Tarzia, Dr.ssa Olimpia Bifulco
Urologi:
Prof. Giovanni Zattoni - Direttore Urologia, Dr. Tommaso PrayerGaletti, Dr.ssa Mariangela Mancini, Dr.ssa Marta Bianco
Chirurghi Epatobiliari:
Prof. Umberto Cillo - Direttore Chirurgia Epatobiliare, Dr. Francesco D’Amico
 
Cardioanestesisti: 
Dr.ssa Cristiana Carollo, Dr. Eugenio Serra, Dr. Antonio Marcassa, Dr. Guido Di Gregorio
Perfusionisti: Dr. Fabio Zanella, Dr.ssa Lisa Ceccato, Dr.ssa Federica Raffin
Infermieri: Dr.ssa Monica Berton, Dr.ssa Sofia Pasello, Dr.ssa Cristina Molena, Dr.ssa Sofia Gobbo, Dr.ssa Nicoletta Baldan, Dr. Paolo Zucchini, Dr. Giuseppe Di Lorenzo, Dr.ssa Claudia Ferron, Dr. Matteo Vianello, Dr.ssa Michela Ghiraldin, Dr.ssa Katia Antonello, Dr. Marco Vianello
 
 
 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl