you reporter

Il dramma nella notte

Tragedia a Venezia: barca contro una diga, tre morti e un ferito

L'incidente all'altezza del Lido, c'è anche un ferito grave, Alla guida dell'offshore c'era un campione di velocità

Tragedia a Venezia: barca contro una diga, tre morti e un ferito

Tragedia nella notte in laguna.

Tre persone sono morte ed una quarta è rimasta gravemente ferita in un incidente nautico avvenuto stasera a Venezia. Secondo le informazioni fornite dai vigili del fuoco, uno scafo offshore - proveniente a quanto è dato sapere da Montecarlo - si è schiantato contro la diga di San Nicoletto, appena fuori dalla bocca di porto tra Punta Sabbioni e il Lido.

Nell'incidente tre degli occupanti del natante sono morti sul colpo.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e mezzi della Capitaneria di Porto

I corpi di due degli occupanti del  mezzo offshore sono stati recuperati subito, mentre un terzo componente dell'equipaggio è stato ripescato poco distante. C'è poi una quarta persona, rimasta ferita in maniera grave.

Tra le vittime - come riportato dall'Ansa - il progettista e pilota motonautico Fabio Buzzi, detentore di numerosi record nell'offshore e che stava tentando il record della Venezia-Montecarlo.

Le altre due vittime sono due piloti inglesi mentre il ferito . in condizioni molto gravi - è un altro pilota italiano, Mario Invernizzi, trasportato in ospedale.

L'imbarcazione, lunga 20 metri e con motori che consentono di raggiungere velocità massime di 70 nodi (vale a dire 130 chilometri all'ora), era partita da Montecarlo e stava tentando di battere il record della traversata

I corpi dei primi due deceduti sono stati recuperati subito, mentre un terzo componente dell'equipaggio risultava disperso. E' stato individuato poco dopo, anch'egli deceduto, dai vigili del fuoco. L'incidente, con il buio fitto, sarebbe avvenuto davanti alla sulla 'lunata', una diga artificiale fatta di grossi massi calati sul fondale costruita a protezione delle opere del Mose, a sud della diga di San Nicolò del Lido.

L'incidente, avvenuto dopo le 21 e dunque con il buio fitto, è avvenuto - secondo la prima ricostruzione da parte della Capitaneria di porto - sulla 'lunata', vale a dire la diga artificiale di massi calati sul fondale costruita a protezione del Mose. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl