you reporter

Liguria

Tra colline e mare: una gita a Cervo Ligure

Il borgo di Cervo è certamente una meta perfetta per una gita primaverile, per i colori delle sue case, per il suo profilo suggestivo.

Tra colline e mare: una gita a Cervo Ligure

Il borgo di Cervo è certamente una meta perfetta per una gita primaverile, per i colori delle sue case, per il suo profilo suggestivo e per il fatto di essere totalmente affacciato sul mare e per essere posto alle pendici di alcune colline, ricche di pineti, uliveti e percorse da sentieri silenziosi.

Abitato già in epoca preistorica, la sua storia si stabilizza con la costruzione del Castello di Clavesana, costruito dagli omonimi marchesi verso il XIII secolo, inglobando un’antecedente torre romanica, perfettamente conservato ed oggi anche sede del museo etnografico del ponente ligure.

Il borgo presenta originali e suggestive caratteristiche di borgo medioevale, ed è caratterizzato da edifici vecchi di secoli, palazzi nobiliari, stretti vicoli dove si aprono botteghe di artigiani e artisti, archi e scalinate che danno sul mare, che si trasformano in cornici del meraviglioso blu del mare. Questo borgo a ridosso del mare ha conservato nei tempi le sue caratteristiche medievali ed è ora una vera e propria perla della Liguria apprezzata sia per la sua bellezza architettonica sia per il paesaggio unico che la circonda.

Cosa vedere:

La visita di Cervo non può che aver inizio dal centro storico, che è rimasto inalterato da secoli ed è praticabile solo a piedi percorrendo le strette viuzze che dal mare salgono fino al promontorio dal quale si erge la maestosa Chiesa di San Giovanni Battista, detta anche “dei Corallini” perché edificata proprio grazie ai contributi dei pescatori di corallo. Usciti dalla chiesa, e girando a destra in via Grimaldi-Salineri, si arriva in Piazza Santa Caterina dove è possibile ammirare il Castello dei Clavesana, costruito dagli omonimi marchesi nel XVII secolo. La costruzione ha inglobato in sé la precedente torre romanica eretta a difesa del borgo in epoca Bizantina. Ora il castello è sede del Museo Etnografico. Altri edifici storici da ammirare sono: l’ex Oratorio di Santa Caterina d’Alessandria eretto nel XIII secolo, la Chiesa di San Nicola da Tolentino costruita sulle rovine di un antico tempio pagano, Palazzo Morchio del XVII ora sede del municipio e la Torre di Sant’Antonio, costruita sulla punta di capo Cervo contro le incursioni saracene. Ma la cosa migliore da fare è perdersi per i vicoletti (in dialetto Ligure detti carrugi) stretti fra i muri delle case e spesso coperti dagli edifici passanti. È in questi scorci ombrosi e ricchi di fascino che meglio si assapora l’atmosfera ancora tutta medievale del paese, ammirando le sue case colorate susseguirsi una dietro l’altra fino ad aprirsi all'improvviso in una piazzetta dalla quale ammirare il blu del mare.

A Cervo potrete poi decidere di trascorrere qualche ora al mare, il paese offre infatti diversi stabilimenti balneari tradizionali con sabbia, sdraio ed ombrelloni, e tratti di spiaggia ghiaiosa assolutamente libera così come di libero accesso sono le suggestive scogliere del Porteghetto, delle Ciappellette e le altre più a levante (accessibili queste ultime solo dal mare e perciò care ai naturisti ed agli amanti delle esplorazioni di fondali rocciosi).

Cosa mangiare:

A Cervo potrete gustare numerose specialità gastronomiche tradizionali, a partire dalla Aggiadda, un condimento povero utilizzato anche come conservante e usato per accompagnare, pesci, carni o verdure bollite. Da assaggiare sono poi i Carciofi in imbrogliata e i Cuculli, o la celebre Focaccia al formaggio, specialità di Recco, che rappresenta il miglior connubio tra focaccia e formaggio, che piace proprio a tutti, grandi e piccini. Qui potrete poi assaggiare i Pansoti al sugo di noci, preparati con il preboggion (un composto di verza primaticcia, raperonzolo, ortica, borraggine, radicchio selvatico, bietola, cerfoglio, pimpinella, cicerbita e talegua) e il sugo di noci.

Come arrivarci:

Partendo da Rovigo potrete raggiungere questo splendido borgo in automobile, con poco più di 4 ore e mezza di viaggio. Partendo dalla Stazione dei Treni di Rovigo dovrete invece optare per le stazioni più vicine di Diano Marina e di Andora. Giunti qui è possibile prendere un autobus o un taxi per raggiungere Cervo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl